circa le donne

L’uomo sposando una donna crede di prendere tutto di lei, commettendo così l’errore più grande. Una donna va sempre corteggiata anche se già “tua”. Lei va sempre amata, ammirata, lodata. Una donna non è una parte, un oggetto della casa; la donna è la casa, l’aria, lo spazio, il tempo e oltre. Lei è pronta a cambiare il suo corpo per donare testimonianza di unione al mondo e lo fa con una naturalezza davvero disarmante. Nulla è scontato, dare-avere non hanno prezzo.

La donna non è mercanzia acquisita e farla divenire tale per capriccio, abitudine o indifferenza vale a sacrificare una storia che una volta era amore, forse sì, forse no. Premettendo che l’amore resiste e insiste e non leva aria, ma soffia su una scintilla per renderla fuoco vero, è in grado di sbuffare via le nuvole con una risata e poi alita sentimento e ardore da ogni poro; l’amore, quando davvero tale non si evolve in staticità, della serie: io qui e tu lì, in mezzo un niente di parole fritte e “come va”.

L’amore cambia se stesso, di certo tempesta iniziale in tenerezza e rispetto e qualcosa tipo condiscendenza, ma l’amore come dire: io amo te e tu me, senza una ragione e con tutte le ragioni, ha bisogno di attenzione continua, non cure da malato terminale né pianta da innaffiare o figlio da crescere ma come mare sì,  con tutte le sue immensità e ricchezze, che anche quando è calmo non presagisce nulla di buono.

Copyright, diritti riservati

Francesca Coppola

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...